I rifiuti sanitari

di Redazione

La corretta gestione dei rifiuti sanitari e ospedalieri è fondamentale per tutelare la salute pubblica e l’ambiente. Questi rifiuti possono rappresentare una potenziale minaccia se non vengono smaltiti in modo adeguato, poiché possono contenere sostanze pericolose o agenti infettivi. In questo articolo, esploreremo le diverse categorie di rifiuti sanitari e le precauzioni necessarie per una gestione sicura.

Categorie di rifiuti sanitari

I rifiuti sanitari possono essere suddivisi in diverse categorie in base all’origine e ai potenziali rischi associati. Conoscere queste categorie è importante per garantire un corretto smaltimento e proteggere sia il personale sanitario che il pubblico. Ecco le principali categorie di rifiuti sanitari:

  1. Rifiuti sanitari non pericolosi: Questa categoria include materiali come i materiali metallici, il vetro per i farmaci, gessi ortopedici, farmaci scaduti. Questi rifiuti possono essere smaltiti in modo sicuro utilizzando i normali sistemi di gestione dei rifiuti urbani;
  2. Rifiuti sanitari assimilabili agli urbani: Questa categoria comprende rifiuti sanitari simili a quelli generati nelle abitazioni, come materiali derivanti dalla cucine, resti di pasti provenienti dalle unità operative, vetro, carta, plastica, pannolini e assorbenti igienici ( ad esclusione che non provengano da pazienti infetti). Possono essere smaltiti insieme ai rifiuti domestici, ma è importante sigillarli correttamente per evitare la dispersione di agenti infettivi o sostanze pericolose.
  3. Rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo: Questa categoria include materiali come prodotti chimici, farmaci scaduti o non utilizzati e dispositivi medici non contaminati. Questi rifiuti richiedono una gestione specifica, poiché contengono sostanze pericolose. Devono essere raccolti separatamente e smaltiti in conformità alle normative ambientali vigenti;
  4. Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo: Questa categoria comprende materiali che provengono dalle unità operative. Nel DPR 254/03 (norma che disciplina la gestione dei rifiuti sanitari) vengono elencati: i rifiuti che provengono da ambienti di isolamento infettivo e che siano venuti a contatto con liquido biologico secreto ed escreto di pazienti; rifiuti contaminati da liquidi biologici, feci, urine e sangue, dove il medico ha annunciato una patologia trasmissibile attraverso tali liquidi; rifiuti provenienti da attività veterinaria. I rifiuti infettivi devono essere gestiti con estrema attenzione per prevenire la diffusione di malattie. Richiedono una raccolta, un trattamento e uno smaltimento specifici per garantire la sicurezza. Questi rifiuti vengono sottoposti a sterilizzazione, frantumazione ed essiccamento in luoghi all’interno delle strutture sanitarie oppure da ditte esterne. I rifiuti sanitari pericolosi vengono inseriti in contenitori di cartone flessibile dove su di essi viene riportata una scritta “ Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo” accompagnata dal suo simbolo. Da ricordare che questi tipi di rifiuti possono essere mantenuti nel deposito per soli 5 giorni;
  5. Rifiuti sanitari che richiedono particolari sistemi di gestione: Alcuni rifiuti sanitari, come aghi, siringhe, lame o frammenti di vetro, richiedono contenitori appositi per minimizzare il rischio di lesioni e infezioni. Questi rifiuti devono essere raccolti in contenitori resistenti, appositamente progettati per evitare punture o tagli accidentali, sui quali viene apportata la dicitura “ Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti”.

Gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari richiede l’adozione di misure preventive per minimizzare i rischi associati a queste sostanze potenzialmente pericolose. Di seguito sono riportate alcune pratiche comuni e procedure per garantire una gestione sicura dei rifiuti sanitari:

Raccolta e smaltimento adeguati

  • I rifiuti sanitari devono essere raccolti in contenitori appositi, distinti da quelli utilizzati per i rifiuti comuni. Questi contenitori devono essere ben sigillati e resistenti per evitare fuoriuscite o danni accidentali.
  • Gli ospedali e le strutture sanitarie devono aderire a linee guida specifiche e alle normative in vigore per lo smaltimento dei rifiuti sanitari. È fondamentale collaborare con servizi specializzati nel trattamento e nel recupero dei rifiuti sanitari.
  • Il personale sanitario deve essere adeguatamente addestrato sul corretto smaltimento dei rifiuti sanitari e sulle precauzioni da adottare per evitare infezioni o lesioni. L’aggiornamento delle conoscenze e l’educazione continua sono fondamentali per garantire una gestione sicura dei rifiuti sanitari.
  • Al momento dello smistamento gli imballaggi devono presentare il nome della struttura, la data di chiusura del contenitore, il peso dell’imballo.

Trattamento e sterilizzazione

  • Alcuni rifiuti sanitari, come quelli infettivi, richiedono trattamenti specifici prima dello smaltimento finale. Questi trattamenti possono includere sterilizzazione, incenerimento o altre procedure di inattivazione degli agenti infettivi.
  • L’incenerimento è un metodo comune per distruggere i rifiuti sanitari in modo sicuro. Tuttavia, è importante utilizzare tecnologie avanzate che riducano al minimo l’impatto ambientale e la produzione di sostanze inquinanti.
  • I materiali riciclabili o riutilizzabili presenti nei rifiuti sanitari devono essere separati e sottoposti a processi di recupero appropriati. Ciò contribuisce a ridurre la quantità di rifiuti che finiscono nelle discariche e promuove una gestione sostenibile dei rifiuti sanitari.

In conclusione la corretta gestione dei rifiuti sanitari e ospedalieri è essenziale per garantire la sicurezza del personale sanitario, dei pazienti e del pubblico. La corretta classificazione dei rifiuti, la raccolta adeguata, il trattamento appropriato e la formazione del personale sono elementi fondamentali per prevenire rischi e proteggere la salute pubblica. Ognuno di noi ha la responsabilità di gestire i rifiuti sanitari in modo consapevole per un futuro sano e sostenibile.

Speriamo che questo articolo ti abbia fornito una panoramica utile sulla gestione dei rifiuti sanitari. Continua a informarti e a diffondere la consapevolezza su questo importante argomento per promuovere una comunità più sicura e una migliore tutela dell’ambiente.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le informazioni fornite su questo sito web sono puramente informative e non sostituiscono in alcun modo il parere o la consulenza di un esperto. Si consiglia sempre di consultare un professionista del settore per eventuali domande specifiche.

ALTRI ARTICOLI

Potrebbe interessarti anche...

LA NEWSLETTER DELL’OSS

Rimani aggiornato su news,
concorsi e molto altro!